Amo produrre arte in tutte le sue forme, ma il luogo dove preferisco farlo è dietro i fornelli.
Instagram Feed
Search

Dolcetti di San Martino

Dolcetti di San Martino

Foto di Chiara Canzian

Ciao Amici,

oggi in occasione della ricorrenza di San Martino, ho pensato di proporvi questi due dolcetti intitolati proprio a lui.

Fino a ieri conoscevo solo quelli della tradizione Veneziana ma, spulciando un po’ in internet per cercare qualche informazione in più da raccontarvi, ho scoperto che c’è anche una forte tradizione Siciliana legata a questo Santo.

Ho deciso così di proporvi entrambe le versioni regionali di questi dolci.
La versione Veneziana consiste in un biscottino di pasta frolla a forma di cavallo con il Santo in sella, decorato con glassa di zucchero e zuccherini colorati mentre la versione Siciliana consiste in una sorta di pasta lievitata all’anice ripiena di una crema alla ricotta ma… io ho fatto tutto Vegano! Ragazzi scusatemi, ma a fare le ricette tradizionali “copiandole” da qualcuno sono capaci tutti, a me piace trasformarle senza penalizzarle in bontà per dare la possibilità a tutti di mangiare bene ed etico!

Passiamo ora a vedere il procedimento.

 

COSA

Ingredienti per il biscotto Siciliano:

  1. Per il biscotto:
  • 500 g di farina
  • 100 g di olio di cocco
  • 200 g di acqua a temperatura ambiente
  • 100 g di zucchero
  • 25 g di lievito di birra fresco
  • 15 g di semi di anice
  • un pizzico di cannella
  • un pizzico di sale fino
  1. Per farcire:
  • 250 g di latte di mandorle
  • 20 g di amido di mais
  • 50 g di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • la scorza di mezzo limone

Ingredienti per il biscotto Veneziano:

3.  Per la frolla:

  • 300 g di farina 00
  • 150 g di margarina
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 70 g di acqua ghiacciata

4. Per la glassa:

  • 200g zucchero a velo
  • 12ml di acqua

COME

  1. Iniziate setacciando la farina nella ciotola della planetaria, unite lo zucchero, la cannella e i semi di anice. A parte sciogliete il panetto di lievito in una piccola parte dei 200 g di acqua, attivate la planetaria col gancio e versate a filo il lievito sciolto, quindi aggiungete la restante dose d’acqua. Ora unite un cucchiaio alla volta l’olio di cocco e attendete che venga amalgamato, quindi aggiungete il pizzico di sale. Impastate finché otterrete un impasto che si stacca dalle pareti della planetaria, riversatelo quindi su un piano di lavoro e impastatelo con le mani brevemente fino ad ottenere una palla. Lasciatela lievitare in una ciotola coperta da pellicola per 3 ore e mezza finché il volume non sarà triplicato. Finito il tempo di lievitazione prendete l’impasto e con le mani fate un filone, tagliatelo quindi a pezzi di circa 60 g l’uno. Con ogni pezzetto dovrete fare un filoncino e arrotolarlo su se stesso fino a creare una spirale.        Disponete le spirali in una teglia foderata di carta forno e fate lievitare per altri 30 minuti, al termine dei quali infornerete la teglia per 20 minuti a 180°.
  2. Per creare la crema per farcire iniziate con mettere in un pentolino l’amido di mais e lo zucchero, aggiungete a filo il latte mescolando con una frusta per non creare grumi; aromatizzate con la vaniglia e la scorza di limone e mettete il pentolino sul fuoco. Portate a bollore sempre mescolando con la frusta, quindi abbassate il fuoco e fate cuocere ancora qualche minuto finché non si sarà addensata, quindi levate dal fuoco e fate raffreddare. Una volta che la crema sarà fredda aggiungete le gocce di cioccolato e mescolate bene. Mettete la crema in una sàc a poche e farcite le spirali, dopo averle tagliate a metà.
  3. Mescolate la farina, lo zucchero, il sale e la margarina con una forchetta fino ad ottenere un composto abbastanza amalgamato ma ancora friabile, quindi aggiungete l’acqua ghiacciata e continuate a mescolare fino a quando avrete ottenuto una palla maneggiabile; impastate brevemente con le mani e  mettete in frigo a riposare per 30 minuti avvolta con pellicola. Trascorso il tempo, mettete l’impasto su un piano di lavoro e stendetelo con un matterello fino ad ottenere una sfoglia alta circa 3-4 mm. Con il tipico stampino di San Martino ottenete la forma desiderata o, come ho fatto io, ritagliate la forma con la punta del coltello. Adagiate quindi la forma su una teglia foderata di carta forno e infornate a 180° per 20 minuti.
  4. Mescolate con la frusta lo zucchero assieme all’acqua finché avrete ottenuto una glassa densa, quindi mettetela in una sàc a poche e decorate il biscottino a vostro piacimento.

MUSICA

Una canzone del ’79, calda e d’atmosfera per accompagnarvi mentre preparerete questa ricetta!

5 Comments

  • Milvia Angela Codazzi

    Buoni. Proverò a fare anche questi. La canzone la conosco ed è bellissima perchè anche Neil Diamond mi è sempre piaciuto come cantante.

    11 novembre 2017 at 22:00
  • anna boccato

    carissima Chiara, mi sembrano buoni, appena ho un attimo di tempo provero’ a farli, intanto me li mangio con gli occhi.

    11 novembre 2017 at 23:47
  • Renata balducci

    Buongiorno Chiara !

    Ieri, 11 novembre , abbiamo potuto vedere dei dolcetti di benvenuto simili a questi a bordo della BRIGITTE BARDOT, trimarano della flotta SEA SHEPERD, a Viareggio , in porto , in cui resterà per un po’ … stamani nel vedervi sul taxi barca a Venezia minè venuta un’idea ! Ti scrivo poi una mail !❤️❤️ Come sempre compimenti!
    Bacini

    12 novembre 2017 at 9:17

Leave a Comment